mercoledì 20 settembre 2017

Alla fine dell'estate. Come oggi.





"Era la fine dell'estate e me ne stavo seduto sotto un tiglio, sul terrazzo di uno dei miei bar preferiti; me la godevo abbastanza, c'era una brezza leggera, 
e lei arrivò e baciò il mio amico Anton, un attore, e si sedette al nostro tavolo. 
Ciccò la sigaretta nel posacenere, scattando dei piccoli flash, lui fece le presentazioni 
e lei stese un lungo braccio abbronzato. 
Si chiamava Ana. Era bella e sapeva di buono. Era scusa, con gli occhi liquidi e raggianti, e le sue mani si muovevano aggraziate quando parlava. 
Se m'avessero detto che di lì a un mese saremmo andati a vivere assieme da innamorati non ci avrei creduto. avevo smesso di credere alla magia da un bel pezzo."

Philip Ó Ceallaigh, Appunti da un bordello turco

Titolo: Appunti da un bordello turco, Un'altra storia d'amore
Autore: Philip Ó Ceallaigh
Traduzione: Stefano Friani
Editore: Racconti
Anno: 2016
Prezzo: 16,00 euro

2 commenti:

  1. Già solo questa citazione ti fa venir voglia di leggerlo! Lo stile appare semplice, molto diretto ma efficace. L'hai letto tutto? Vorrei saperne un po' di più!:)

    RispondiElimina
  2. Questo passo mi è piaciuto tanto, poetico e dolce.

    RispondiElimina