Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

La straniera. Claudia Durastanti

Ho letto questo libro quasi due volte. La prima l'ho lasciato poco dopo la metà. Era bellissimo, era emozionante e mi assorbiva, ma sarebbe finito presto e non volevo accadesse. Così l'ho interrotto. La seconda l'ho ricominciato e finito. Ho pianto e ho riso e mi sono preoccupata e ho invidiato, mi sono sentita fortunata a volte, borghese altre, mai sola, ho ricordato me e conosciuto lei, ho passeggiato per Roma, per Brooklyn, per la Basilicata, per Istanbul, per Londra, viaggiato in macchina, in aereo, ho dormito nei parchi di Roma, sono stata bambina, ragazzina, adolescente, donna, forse anche uomo, sorda, udente, irrequieta, ho mangiato e provato vestiti, ho dipinto, sono andata a scuola, sono diventata grande, ho viaggiato, mi sono affidata, ho sospettato. La straniera di Claudia Durastanti è un libro colmo di vita vissuta  e come la vita è un insieme di episodi, alcuni giganti e altri piccini, che segnano il passo, il ritmo e le destinazioni di ciascuno e di alcuni in…

Ultimi post

La luna!

Di mare e libri per sempre

Libreria di Roma in festa

I tempi non sono mai così cattivi per @TwoReaders

Un compleanno Infinito

Inside out. Nick Mason (come dire a spasso con i Pink Floyd)

A Utrecht con Virginia per la domenica di tè #86

Super Strega!

100 anni di poesia

Scrivere a Elsa Morante #PostOffice