mercoledì 8 luglio 2015

L'invenzione della madre. Marco Peano


L'invenzione della madre. Marco Peano.
minimum fax.
La mia copia.

"L'invenzione della madre" di Marco Peano è un romanzo speciale ed è pubblicato da minimux fax. Peano racconta la storia di un ragazzo che vive la malattia di sua madre, accompagnandola dalla scoperta, attraverso le ricadute e fino alla morte. Non è un romanzo sul cancro e non è un romanzo su chi lo patisce, né sui malati o sulla morte, è un romanzo sulla vita, su chi è sano e vede soffrire una persona che ama, è un romanzo su cosa accade a chi chi sa che resterà e poi a chi, a un certo punto, resta davvero.
Mattia lavora in un negozio di videocassette, è appassionato di cinema, lo conosce e in qualche modo a esso aspira, è innamorato della sua ragazza, abita in provincia, capita in città per le uscite serali, ha due genitori, una nonna, una casa accogliente e il contatto costante, fin da adolescente, con la coscienza della precarietà della vita. Sua mamma è malata da dieci anni, vive un decadimento fisico per tappe, attraversa degenerazioni e successi, combatte e a volte vince, finché il tutto diventa troppo e arriva il momento in cui Mattia e suo padre fanno all'oncologo la domanda definitiva:

(Quanto. Tempo. Resta?)

Dalla risposta del medico Mattia sarà sempre accanto a sua madre, la stringerà al suo cuore e alla sua mente, cercherà di tenerla con sé il più possibile per continuare ad averla, per superare il momento in cui lei se ne andrà, rimanere madre e figlio sempre. Mattia è il protagonista di un racconto che descrive l'essere (e il voler essere) figlio. 
Lo stile di Marco Peano consente di leggere un libro in cui il dolore esce dalla carta, ma non cerca la commozione, non cerca la tensione emotiva, rimane addirittura lontano dai sentimenti, ma li suscita in modo potente e delicato al tempo stesso.
La prima parte sale di tensione o meglio scende nel nero della malattia e lo fa quasi con freddezza, riportandone le fasi e descrivendo le reazioni della famiglia di Mattia. La seconda è un'ascesa, sia verso la morte, che verso l'unione, Mattia cresce, tiene la mano di sua madre, la accompagna nei giorni e dentro di sé, fino al momento in cui la raggiunge e la ritrova, la inventa e da lì la terrà con sé. Sempre, oltre il libro.
Non fermarsi nella lettura perché il tema fa soffrire, andare avanti e scoprire un libro unico e prezioso, uno stile che aiuta il lettore a seguire quella vita e quella morte.
Leggere "L'invenzione della madre" è un consiglio letterario e (addirittura) umano.

Poi racconterò il mio incontro con Marco Peano, dalla prima volta lo scorso maggio all'appuntamento su questo libro due giorni fa.

Titolo: L'invenzione della madre
Autore: Marco Peano
Editore: minimum fax
Anno: 2015
Prezzo: 14.00 euro

1 commento:

  1. un pensiero ricorrente, magari spesso inconscio, è proprio quello di esorcizzare la paura del ' grande distacco' e qui ognuno fa quello che può..sopratutto per tenere sempre vivo e presente chi ci è caro.
    Non per niente S. Agostino dice ( più o meno così): " Chi muore non è lontano nè assente, lascia la terra non lascia la vita ".

    RispondiElimina