venerdì 26 luglio 2013

L'incontro. Vincenzo Cerami.

L'incontro. Vincenzo Cwrami
Monadori
La mia copia
Un libro carinissimo da investigatori e enigmisti.
Lo consiglierei davvero a tutti, così ben scritto che vola via e l'indovinello, intorno al quale ruota tutta la storia, appassiona e lega alle pagine. Un accademico romano scompare nel nulla, un uomo colto che tra l'altro dirigeva una rivista enigmistica.
Appassionato di rebus, sciarade e indovinelli.
Due giovani universitari innamorati viaggiano e  condividono i sogni dell'inizio della giovinezza, decidono il tenore del loro rapporto, si amano, si lasciano e restano uniti alla ricerca di una soluzione. Lud, il ragazzo, ha una copia della rivista enigmistica, "I conti tornano", diretta dal Professore scomparso e insieme alla sua ragazza si appassiona a un indovinello, la cui soluzione sembra possa portare al ritrovamento dell'uomo. Polizia e ragazzi che per dovere e per piacere indagano sulla sparizione di un enigmista, mezzi ordinari, ufficiali e professionali, libertà e curiosità.
Due indagini per lo stesso caso.
Ci sono indovinelli negli indovinelli e un percorso guidato attraverso città e persone e il passato di un uomo e d'Italia. L'accademia e il futuro, lo studio e il tempo inesorabile.
Un vecchio e un giovane legati per caso dall'enigmistica in un gioco che finisce nelle mani sbagliate perché nasconde un messaggio per chi ha molto passato e non per chi lo sta costruendo. Lo dice Lud. Il lettore condivide.
Un gran bel libro di uno scrittore vero.

"Gli enigmi sono inganni da smascherare, e non maschere dell'inganno"

Nessun commento:

Posta un commento