giovedì 17 aprile 2014

Curarsi con i libri e con Sellerio. (I)

Curarsi con i Libri. Ella Berthoud, Susan Elederkin
a cura di Fabio Stassi
Sellerio
La mia copia
Prima di Natale è uscito per Sellerio un libro al quale -maddai!!!!- non resistito, non c'ho nemmeno
provato in realtà, se ne parlava molto, c'erano locandine affisse alle porte delle librerie e, nonostante la consueta pila di "non letti, ma comprati", l'ho preso, anche perché a dicembre uso la scusa "qualcuno cui regalarlo lo trovo", ma il destinatario, il più delle volte, sono io. Me medesima, lo giro e firmo. Come un assegno.
Ecco qua che non l'ho mai aperto, appunto perché lettura e acquisti non possono avere lo stesso ritmo, ma col malanno di stagione, mal di gola di quando credi sia estate invece è appena l'inizio della primavera, sfoglio "Curarsi con i libri" e scopro che è divertente.
E' inserita una "Nota all'edizione italiana" in cui si spiega che il volume se pur interiorizzato con editore e curatore nazionale, Sellerio e Fabio Stassi, è un esperimento diffuso in molti paesi in Europa, e si pone come "esempio di globalizzazione". Sembra una guida che possa orientare, si dice anche in nota, lettori, librai e bibliotecari, nella scelta di un romanzo. Il criterio di scelta non è propriamente scientifico, non potendo, tutti i lettori, giungere allo stesso risultato, bensì ogni selezionatore potrebbe operare una selezione diversa, ma è molto stimolante orientarsi in questa raccolta.
In fondo al libro c'è un indice delle voci, ma alla dicitura "Gola" non corrisponde "mal di", ma la voglia di cibo e la golosità, così mi sono spostata su quella che secondo me è la panacea di tutti i mali il tè e, ho trovato:


Non l'ho letto. Ecco qua che non avrei potuto sceglierlo.
Ad ogni modo ne segue una breve descrizione che chiarisce il motivo per cui è stato indicato quale rimedio alla condizione descritta e, chi come me,  è sempre alla ricerca di una buona tazza di tè non può che mettere "Guida galattica per gli autostoppisti" di Douglas Adams, tra i libri da leggere.
E la TORRE cresce.


Nessun commento:

Posta un commento