mercoledì 9 marzo 2016

Gruppi di lettura alla libreria La nuova Europa

I gruppi di lettura sono una realtà in cui credo, che permette di diffondere la lettura consentendo a persone con la stessa passione di incontrarsi, agli autori di conoscere un lavoro sistematico su un proprio libro, agli editori di incontrare da vicino il proprio pubblico, alle librerie di porsi come catalizzatore di queste iniziative.
Ho iniziato quasi tre anni fa ideando @TwoReaders, mi trovo oggi a condurre diversi gruppi di lettura in ambienti differenti: dalla casa editrice al festival, lanciando la condivisione letteraria sia in incontri istantanei che in appuntamenti strutturati in un piano di letture.
Sulla base della mia esperienza il gruppo di lettura ha bisogno di tre puntelli per andare avanti e crescere: scelte letterarie di valore, voglia di condividere e ascoltare, interesse ad andare oltre il mero gradimento del libro. E' importante proporre libri con cui ci possa confrontare, libri che insegnino a scrivere e a leggere, in cui ripaghiamo lo scrittore con il nostro impegno, che consentano di superare il proprio gusto. Nella mia interpretazione il gruppo di lettura funziona quando pian piano si abbandona l'istinto di dire "mi piace" o " non mi piace" e si approda all'analisi del testo e della struttura, si osserva lo stile, si discutono i personaggi, si impara a osservare le scelte dell'autore, a riconoscerle, si isola il proprio, più che legittimo, gusto generale, e si va avanti stimolati e quasi protetti dall'obiettivo di condivisione.
Oramai da quasi un anno coordino dei gruppi di lettura nella libreria La Nuova Europa di Roma.
La collaborazione è nata nel maggio scorso ed è cresciuta nel tempo consolidando due gruppi molto nutriti, che vanno avanti in un percorso di lettura partecipato di cui, con la libreria, sono molto fiera.
La parte del leone la fanno i lettori che si appassionano a un nuovo modo di leggere, che non esclude la lettura intima e personale, ma si aggiunge e rende ciascuno sensibile alle interpretazioni e ai punti di vista dell'altro, così da creare una ricchezza collettiva e strutturata, seppure non arriva sempre, e d'altronde non è un approdo ricercato, a integrarsi in un'ottica unica e collegiale.
Il lavoro del gruppo, nella mia esperienza, si fonda sulla comunione di un ritmo di lettura, su un'attenzione al testo costante e, sulla voglia di ascoltare le idee di tutti i componenti, alla base c'è la convinzione che nello scambio risiede il valore di un simile esercizio.
Vivere a Roma offre l'occasione di poter invitare ai nostri incontri degli ospiti professionali, che in chiusura dei lavori aggiungono conoscenza e si prestano ai dubbi e alle domande sorte nel nostro circolo.
I gruppi di lettura stanno prendendo piede in varia forme, qui, su illibraio.it, Valentina Francese, della Nuova Europa, e io, vi raccontiamo l'esperienza di collaborazione dai due punti di vista: quello della libreria e quello della blogger che si occupa proprio di gruppi di lettura.


Nessun commento:

Posta un commento