sabato 31 gennaio 2015

L'innamorato della signora Maigret. Georges Simenon.

Maigret e la moglie, Georges Simenon.
Mondadori 1980
La mia copia.
Jules Maigret è il personaggio principale delle opere di Geroges Simenon, quasi il simbolo della produzione dell'autore e, negli anni, prima attraverso i libri poi grazie al cinema e alla televisione è diventato un uomo, quasi una conoscenza nelle case di molti. In Italia il più celebre Maigret fu Gino Cervi, un attore straordinario che diede corpo, movimento e anima a una figura letteraria dettagliata anche nella propria biografia. Di Maigret si conoscono anno e luogo di nascita, origini, genitori, studi, incontri, una vita reale creata in settantacinque romanzi e ventotto racconti scritti in francese da un belga. "L'innamorato della signora Maigret" è proprio uno di questi, scritto nell'inverno tra il 1937 e il '38 racconta la storia di un signore misterioso che Madame Maigret per diverse settimane ha notato dalla sua finestra, un uomo senza età che sceglieva sempre la stessa panchina e che se ne allontanava sempre alla stessa ora fino al giorno in cui, proprio lì, fu trovato morto. Si apre il giallo in cui il commissario e la moglie quasi si sfidano alla ricerca di una verità compiutasi proprio sotto la loro abitazione. L'avvolgente stile di Simenon che rende Parigi sfondo di molte avventure fino a farla diventare un personaggio, una città quasi pensante che sembra prestarsi ai delitti e alle loro soluzioni come unico luogo in cui quei delitti e quelle soluzioni sarebbero potuti accadere. Più psicologia che fatti, più ricerca del reale esistere dell'essere umano che di un colpevole, un'indagine in cui la signora Maigret è protagonista. Nel 2013 questo racconto è stato incluso in una raccolta Adelphi dedicata allo scrittore, la mia edizione è Mondadori, datata 1980, e sotto il titolo "Maigret e la moglie" raccoglie quattro storie in cui si presenta la moglie dell'ispettore non solo come cuoca e compagna di un marito tanto noto, ma come partecipe dell'attività investigativa, osservatrice astuta e persona più moderna e autonoma di quanto sembrasse. 

1 commento:

  1. racconto un poco 'anomalo' sembra statico ma è più vivace e dinamico,sotto e acque, di altri su Maigret.

    RispondiElimina