martedì 20 ottobre 2015

Piego di libri #1: Fazi

Inauguro oggi una nuova rubrica del blog, "Piego di libri", in cui mostrerò alcuni dei libri che ricevo dalle case editrici, non so se in ordine temporale o per editore o con quale altro criterio li accomunerò di volta in volta. Su Instagram di solito pubblico la foto dei pacchi non appena li ricevo, ma per dare visibilità ai titoli che mi sono suggeriti prima che riesca a leggerli tutti, e per raccontare la vita del blog ho pensato di fare una piccola vetrina delle proposte di lettura che ricevo. Tralascerò quanto arrivato prima e durante l'estate, la rubrica parte ora, da questo caldissimo autunno. 
I suggerimenti di lettura che ricevo, chiaramente, non rappresentano il totale delle mie letture: la mia guida rimane l'istinto in libreria, tra i cataloghi e i siti, seppure capita che sia intercettato da quello degli uffici stampa, poi ci sono i classici, i libri per ragazzi, le vecchie edizioni che finiscono nella pagina Trödelmarkt, le riviste, i consigli degli amici, i libri sbagliati e quelli abbandonati anche anni prima e poi ripresi. Mi capita di non finire dei libri che ricevo e di non recensirli dato che finora nel blog ho parlato soltanto di quelli che mi sono piaciuti, comunque li abbia scelti, e nemmeno di tutti, allo stesso modo mi capitano belle sorprese o di leggere libri che non avrei aperto e scoprire che avrei sbagliato. 

Per oggi parlerò di quanto ho ricevuto da Fazi nelle ultime settimane, si tratta dei tre romanzi qui sotto in fotografia: due autori americani e una inglese, due autrici e un autore, due copertine fotografiche e una grafica, tutti disponibili in ebook, ma vediamoli nel dettaglio.


Le mie copie.


Titolo: I capelli di Harold Roux
Autore: Thomas Williams
Traduzione: Nicola Manuppelli e Giacomo Cuva
Editore: Fazi
Anno: 2015
Prezzo: 18,00 euro

Un nuovo "Williams" tra le fila di Fazi editore, e questo compare per la prima volta nelle librerie di casa nostra, dato che "I capelli di Harold Roux" è il primo romanzo dell'autore a essere tradotto in italiano. Thomas Williams è uno scrittore americano classe 1926, accademico e autore di otto romanzi e numerosi racconti apparsi, tra le altre riviste, sul New Yorker e sappiamo che questo allerta le antenne dei lettori. "I capelli di Harold Roux", che ha vinto il National Book Award nel 1975, è un romanzo nel romanzo: il protagonista, un professore universitario, prende un anno sabbatico per scrivere un libro in cui racconta gli anni del college di due reduci dalla seconda guerra mondiale. La bandella è pubblicata sul sito dell'editore qui e devo dire che il concetto di storia nella storia e l'idea delle sovrapposizioni di personaggi letterari, personaggi inventati e autore mi incuriosiscono molto. 


Titolo: Il lungo sguardo
Autore: Elizabeth Jane Howard
Traduzione: Manuela Francescon
Editore: Fazi
Anno: 2014
Prezzo: 17,50 euro

Ho conosciuto la Howard con "Gli anni della leggerezza", prima puntata della saga dei Cazalet sempre pubblicata per Fazi e uscita a settembre. Ho potuto leggere quel romanzo in anteprima durante l'estate e che l'ho citato nella pagina dedicata al , ora sto leggendo "Il lungo sguardo", uscito l'anno scorso. Elizabeth Jane Howard è un'autrice inglese, ha vissuto una vita emotivamente difficile e piena di delusioni affettive, e ha cercato di superare il bisogno d'amore anche scrivendo e lo ha fatto fino alla vecchiaia. "Il lungo sguardo" è uscito per la prima volta nel 1956 quando l'autrice aveva trentatré anni, e racconta di un matrimonio in crisi, dell'infelicità, di una coppia, della donna che la vive, dell'equilibrio di una vita intera. Non ho ancora finito di leggerlo, poi ne pubblicherò la recensione.


Titolo: Café Julien
Autore: Dawn Powell
Traduzione: Silvia Castoldi
Editore: Fazi
Anno: 2015
Prezzo: 18,00 euro

Un romanzo che mi incuriosisce è questo "Café Julien" pubblicato per la prima volta nel 1954 e poi nel 1990 per un diverso editore. Il "Café Julien" è punto di raccolta di una varia umanità, al suo interno fiorisce il panorama di clienti fissi che animano il racconto, e la Manhattan degli anni quaranta in cui è calato. Le recensioni parlano di un libro ricco di toni sagaci, ironici, profondamente descrittivi fino a diventare attuali, seppure l'autrice sia nata nel 1896. Dawn Powell visse quasi tutta la sua vita a New York, nel Greenwich Village, scrivendo moltissimo e lavorando come sceneggiatrice e alla radio. Quando la sua opera iniziò a riscuotere successo entrò nella prestigiosa scuderia dell'editore "Charles Scribne's Sons". Oggi la sua narrativa è considerata un classico della letteratura americana ed è ripubblicata dalla Library of America. 

Nessun commento:

Posta un commento