mercoledì 24 maggio 2017

Le pietre. Claudio Morandini

Le pietre. Claudio Morandini.
Exorma. La mia copia.

Le pietre è il secondo libro che leggo di Claudio Morandini, ma dopo Neve cane piede, avevo già sviluppato quel tipo di affidamento che alcuni autori sanno ingenerare nei lettori ed è stato confermato. 
Un secondo romanzo breve, probabilmente questa concentrazione fa parte dello stile di Morandini, un secondo romanzo di montagna, ma un completo stravolgimento nelle presenze e nelle voci raccontate. Neve cane piede si muoveva sul pensiero del protagonista, Le pietre immerge il lettore in una comunità e nell'intreccio delle vite dei suoi membri. 
La vita in montagna questa volta si svolge in un continuo andare e venire tra due paesi, Sostigno e Testagno, due nuclei alpini la cui valle ha una storia geologica irregolare, inusueta e che sta esprimendo se stessa alla massima potenza. Ed ecco le pietre. 
Pietre vive, che si muovono, colpiscono, rotolano, ingombrano e feriscono, sembrano accanite contro una coppia, Ettore e Agnese Saponara, arrivata dalla città. Forse è una rivolta del territorio contro chi non lo capisce appieno, contro chi non lo ha nel sangue. O forse è uno scherzo degli altri abitanti della valle, perché quei cittadini se ne vadano. O magari sono proprio loro a creare la stranezza delle pietre sperando di vivacizzare l'ambiente. 
Morandini lascia al lettore il suo percorso, inizialmente lo disorienta, poi lo guida, e infine gli consente quello spazio necessario per riflettere, interpretare e cercare, dietro quella nuova storia di montagna, la propria soluzione. 
Qualcosa di simile accadeva anche in Neve cane piede, ma questa volta la confusione tra ricordi e realtà dell'eremita protagonista del romanzo precedente, lascia il posto a un elemento fantastico dilagante, ma che non si ammanta di magia, bensì, con stupore del lettore, di realtà, perché niente è più tangibile, di un sasso, di una roccia, di una pietra.
Un titolo al plurale, per una molteplicità di voci: in questo breve romanzo a ogni pietra che spunta o che ruzzola, corrisponde alla storia di un personaggio, o dell'intera comunità, tante le pietre, tanti i pensieri pronti a commentarle.
Un'altra bella prova di un autore che con pacata determinazione conduce il lettore nello spazio bianco del non detto, laddove l'interpretazione diventa la chiusura della storia.

Titolo: Le pietre
Autore: Claudio Morandini
Editore: Exorma
Anno: 2017
Prezzo: 14.50 euro 

Nessun commento:

Posta un commento